Generali registra un risultato operativo record nel 2021

MILANO, 15 marzo – Il primo assicuratore italiano Generali, di fronte a un

lotta di potere sulla sua gestione, ha detto martedì che ha pubblicato il suo meglio

risultato operativo mai realizzato nel 2021 grazie al contributo di tutti i suoi

segmenti di business.

Generali ha anche continuato a monitorare la situazione in Russia

e l’Ucraina dove ha avuto solo un’esposizione marginale.

All’inizio di questo mese, Generali ha detto che avrebbe chiuso la sua Russia

e chiuderebbe la sua attività europ Assistance in Russia.

Sta anche rinunciando ai suoi seggi nel consiglio di ingosstrakh , uno dei

I più grandi assicuratori della Russia in cui detiene una quota del 38,5%.

“Non abbiamo più alcuna influenza sulla gestione di Ingosstrakh”,

L’amministratore delegato Philippe Donnet ha detto in una call post-risultati

“Non abbiamo più alcuna influenza sulla gestione di Ingosstrakh”.

Il capo delle finanze Cristiano Borean ha detto che il deprezzamento del

rublo a causa della crisi ucraina ha portato il valore di mercato del

La partecipazione di Ingosstrakh è inferiore al suo valore contabile di 231 milioni di euro (254 milioni di dollari).

Lo scorso anno l’utile operativo di Generali, il dato più vicino

osservati dal mercato, è salito del 12,4% a 5,9 miliardi di euro (6,5 miliardi di dollari),

al di sopra di un consenso degli analisti compilato dall’assicuratore di 5,7 miliardi di euro.

Generali affronta una battaglia sulla composizione del consiglio di amministrazione in una votazione

fine mese prossimo.

Il suo secondo più grande investitore, il magnate delle costruzioni Francesco Gaetano

Caltagirone, progetta di presentare un proprio candidato per guidare l’Italia

il più grande assicuratore, sfidando la riconferma dell’amministratore delegato

Donnet.

L’utile netto si attesta a 2,85 miliardi di euro, in crescita del 63,3%, leggermente al di sopra di un

consenso di 2,82 miliardi di euro.

Il coefficiente di solvibilità dell’assicuratore, che misura la sua solidità finanziaria,

è salito al 227% dal 224% di fine 2020, ma è al di sotto del dato di

233% a fine settembre grazie all’acquisizione di rivali più piccoli

Cattolica, ha detto Borean. All’11 marzo il coefficiente di solvibilità era risalito

oltre il 230%, ha aggiunto. ($1 = 0,9112 euro)

Condividi

Potrebbero interessarti anche...

Finmetrica S.r.l.

Oikka.it è un prodotto 

Finmetrica S.r.l.

 

Altri prodotti :

Contatti